STAMPA ESTERA blog

Tradurre e, traducendo, conoscere

La logica capovolta della politica italiana

leave a comment »

new-york-times1

Nella logica capovolta della politica italiana, la sentenza sembrerebbe una sconfitta solo per Mills, ma per Berlusconi che nei 15 anni in cui ha dominato la scena politica italiana è riuscito a trasformare ogni ostacolo legale in un vantaggio politico, appare piuttosto l’ennesima vittoria.

Rachel Donadio, New York Times

COME CI VEDONO – Il fatto: David Mills è stato condannato a 4 anni e sei mesi. Secondo il tribunale di Milano che ha emesso la sentenza, l’avvocato inglese avrebbe ricevuto da Silvio Berlusconi, attraverso il manager Fininvest Carlo Bernasconi, la somma di 600mila dollari per testimoniare il falso ai processi per i casi di tangenti alla Guardia di Finanza e All Iberian alla fine degli anni Novanta. La contraddizione della vicenda è palese: esiste un corrotto ma non un corruttore, poiché grazie al lodo Alfano il premier, almeno per ora, non può essere perseguito. Solo la Corte Costituzionale potrebbe revocare l’impunità, ma il Cavaliere ha fatto sapere che anche se questo dovesse accadere, la condanna di Mills non potrebbe essere usata contro di lui. In pratica si dovrebbe ricominciare tutto da capo.

Come è stata recepita la condanna dalla stampa anglosassone? Il caso di David Mills ha avuto larga eco in Inghilterra, dove l’avvocato è molto conosciuto per essere l’ex marito della parlamentare Tessa Jowell, ministro incaricato dei giochi olimpici che Londra ospiterà nel 2012. L’inglese The Guardian non manca di ravvisare il paradosso giuridico, sottolineando come sia “probabilmente la prima volta in Italia che qualcuno viene riconosciuto colpevole di essersi fatto corrompere senza che venga identificato il corruttore”. Peter Popham, in un commento su The Indipendent, ricostruisce la carriera dell’avvocato inglese enfatizzandone la “spregiudicatezza”, un tratto che, a detta del giornalista, condividerebbe con il suo controverso cliente.
Sull’altra sponda dell’Atlantico, Rachel Donadio scrive sul New York Times: “Nella logica capovolta della politica italiana, la sentenza sembrerebbe una sconfitta solo per Mills, ma per Berlusconi, che nei 15 anni in cui ha dominato la scena politica italiana è riuscito a trasformare ogni ostacolo legale in un vantaggio politico, appare piuttosto come l’ennesima vittoria.”
Fuori dall’Italia l’entità e le reali connotazioni culturali di quello strano “circo” che è la politica nostrana sono a volte difficili da afferrare. “La condanna è politicamente imbarazzante per Berlusconi” scrive il Washington Post non senza un pizzico d’ingenuità: il quotidiano americano, evidentemente, è convinto che esista ancora qualcosa capace di arrecare imbarazzo al Cavaliere.

(pubblicato per la prima volta: mercoledì 18 febbraio)

Annunci

Written by pierpaolocaserta

febbraio 24, 2009 a 3:21 pm

Pubblicato su Italia, New York Times, Stati Uniti

Tagged with , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: