STAMPA ESTERA blog

Tradurre e, traducendo, conoscere

The Independent: il cavaliere e il colonnello uniti nel pregiudizio

leave a comment »

‘Leggo sul sito dell’ANSA, e riporto:

LONDRA – Silvio Berlusconi e Muammar Gheddafi sono “due leader uniti nel pregiudizio” contro gli immigrati, e “ci sono più cose che uniscono questi due uomini potenti di quanto li divida”: è il commento dell’Independent, a firma di Peter Popham, sulla visita del leader libico a Roma. “Entrambi – scrive Popham – hanno una passione per le belle donne; Gheddafi che si circonda con la sua guardia del corpo amazzone, Berlusconi che invita giovani modelle in massa nella sua villa in Sardegna. Entrambi hanno un disprezzo non nascosto per il parlamento”. L’Independent spiega poi che gli accordi bilaterali stretti portano benefici economici per entrambi i Paesi (gas libico per l’Italia, un’autostrada che attraversa il Paese per la Libia): “Ma c’é un altro aspetto dell’accordo – si legge – che ha ricevuto meno attenzione nei racconti de media, che sono stati dominati al solito dalle loro strabordanti personalità. Insieme hanno cospirato per spazzare sotto a un tappeto libico il maggior problema di immigrazione dell’Italia”. La sorte dei migranti bloccati in mare e rimandati in Libia, ricorda, ha provocato “le dure proteste dell’agenzia per i rifugiati dell’Onu: molti di loro vengono da paesi come la Somalia, ha affermato, e potrebbero avere eccellenti motivi per ottenere asilo politico. E ora invece di fare questa richiesta vengono consegnati alla custodia della Libia, e Dio solo sa che sorte incontreranno”. “Ma questo non è un problema che toccherà le corde del cuore di Silvio Berlusconi – scrive Popham – In un recente commento, tipicamente strambo, egli ha detto che gli immigrati rimandati in Libia erano fortunati, perché i centri di accoglienza per gli immigrati in Italia sono ‘molto simili a campi di concentramento’. Gheddafi è parimenti insensibile verso la loro situazione. In conferenza stampa a Roma ha dichiarato: ‘Gli africani non hanno problemi di asilo politico. La gente che vive nella boscaglia (o) nel deserto non ha problemi politici’ “. “Il punto di vista di entrambi può essere riassunto in maniera succinta: chi se ne importa di quel che accade a quei neri?”, conclude il commento dell’Independent.

(Fonte: ANSA)

Annunci

Written by pierpaolocaserta

giugno 12, 2009 a 4:30 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: