STAMPA ESTERA blog

Tradurre e, traducendo, conoscere

Pari opportunità per i Rom d’Europa: un imperativo economico in un’Europa che invecchia

with 2 comments

L’inclusione dei Rom non è solo un diritto umano ma anche un imperativo economico. Lo sostiene una recente relazione della Banca mondiale.

I Paesi dell’Europa centrale spiccano nell’Unione europea per una popolazione che sta invecchiando ed arretrando più rapidamente e si sta riducendo in modo differente rispetto ai loro vicini. Diversamente dall’Europa occidentale, dove l’invecchiamento è da ricondursi principalmente all’aumento della longevità, i Paesi dell’Europa centrale (e i Paesi baltici) stanno invecchiando soprattutto a causa della bassa fertilità e dell’emigrazione. Il cambiamento demografico è notevole: per esempio, la Bulgaria ha visto la sua popolazione ridursi di oltre il 15% dal 1990, Romania e Ungheria di oltre il 5%. Le proiezioni demografiche delle Nazioni Unite evidenziano che la tendenza dovrebbe proseguire e persino intensificarsi. La diminuzione della forza lavoro mette a rischio la crescita economica e contribuisce ad innalzare la pressione fiscale.

Secondo una recente relazione della Banca Mondiale, i Paesi dell’Europa centrale possono rispondere a queste criticità promuovendo un invecchiamento attivo, in buona salute e produttivo. Il cuore della risposta politica è investire nelle persone per far sì che i gruppi presenti e futuri abbiano competenze adeguate e siano in buona salute, in modo che un numero maggiore di persone sia al lavoro e sia in grado di lavorare più a lungo.

I Paesi dell’Europa centrale la cui popolazione invecchia o si riduce possono far meglio sulle attività occupazionali, sulla salute e sulle competenze delle loro popolazioni.

Ciò è ancor più vero per i cittadini Rom, che sono tra gli europei più poveri e vulnerabili, esposti a povertà, esclusione e discriminazione. I Rom della Bulgaria, della Repubblica Ceca, dell’Ungheria, della Romania e della Slovacchia in media sperimentano una disoccupazione più elevata e più lavoro informale e precario rispetto ai non-Rom. Inoltre, i loro figli imparano meno e abbandonano la scuola prima; vivono in condizioni di salute peggiori e hanno condizioni di accesso peggiori ai servizi sanitari. L’indagine della Banca Mondiale dimostra che questa disparità non è il risultato di una mancanza di impegno [nell’integrazione]: dalle dichiarazioni dei Rom emergono infatti aspirazioni analoghe a quelle dei loro concittadini non-Rom. La differenza è che non hanno le stesse opportunità.

L’invecchiamento e il declino demografico comportano che garantire pari opportunità ai Rom non rappresenti soltanto un imperativo sociale e morale, fortemente radicato nei valori europei, ma anche una necessità economica: in parole povere, con il declino della popolazione in età lavorativa, nessun Paese si può permettere il lusso di lasciare inattive o marginali parti estese della sua popolazione. Ciò è ancor più vero ove si consideri che la popolazione Rom è in aumento, diversamente dalla corrispondente popolazione aggregata del Paese in questione, e rappresenta una quota crescente di coloro che si immettono nel mercato del lavoro.

Venticinque anni e più di analisi hanno mostrato che le diseguaglianze tra Rom e non-Rom iniziano presto. In alcuni casi sono il riflesso delle situazioni familiari. Per esempio, un bambino Rom ha probabilità molto maggiori di crescere in un nucleo familiare che si trova al fondo della distribuzione del reddito, o che abbia genitori con scarsa o nessuna scolarizzazione. Altre fonti di diseguaglianza sono la conseguenza di scarse opportunità, per esempio l’accesso a beni e servizi primari quali l’istruzione o adeguate condizioni di vita, indispensabili non solo per realizzare le proprie potenzialità, ma anche per vivere in modo dignitoso. Ed è altrettanto significativa la conclusione che circostanze insorte nei primi anni di vita riconfermino lo svantaggio lungo l’intero arco della vita.

Qual è la possibile risposta politica? La promozione delle pari opportunità per i Rom deve iniziare mettendo l’accento sui bambini, sulla loro salute e sul loro sviluppo cognitivo. Affrontare il divario evolutivo fin dalla prima infanzia, promuovendo le adeguate competenze genitoriali e migliorando disponibilità ed accesso a servizi di qualità nei primi 1000 giorni di vita, può contribuire in modo significativo ad accrescere le opportunità dei Rom di inserirsi nella vita adulta. Inoltre, il ripensamento dei sistemi educativi secondo una struttura più inclusiva—ritardando il rilevamento, promuovendo la desegregazione, aumentando gli incentivi per gli insegnanti che accettano di lavorare in aree svantaggiate e fornendo corsi di recupero e consulenza—permetterebbe di mantenere le pari opportunità in sistemi che, invece, continuano a remare contro i bambini svantaggiati a causa del background socio-economico, tra i quali vi sono molti Rom.
Ma l’attenzione ai bambini non basta – la risposta politica deve andare oltre. Creare un terreno uniforme nella prima infanzia potrebbe non bastare per garantire le pari opportunità: i Rom continuano a trovarsi di fronte ad opportunità sfavorevoli in momenti chiave della loro vita, per esempio quando cercano un lavoro. Una gamma più ampia di politiche dovrebbe affrontare anche alcune delle situazioni di svantaggio nelle quali cresce una larga parte dei bambini Rom: accesso al lavoro, condizioni di vita dignitose ed accesso a servizi di qualità, per esempio in ambito sanitario.

Se i Paesi dell’Europa centrale vogliono prepararsi per l’invecchiamento e il declino demografico, devono iniziare dai loro cittadini più poveri e più vulnerabili. Contrariamente a quanto spesso si sente dire, affrontate la discriminazione e l’esclusione sociale ed economica della maggioranza dei cittadini Rom nell’Unione europea non è una missione impossibile. Esistono numerosi e incoraggianti esempi in tutta Europa che mostrano come politiche incisive ed inclusive negli ambiti educativo, occupazionale e dei servizi socio-sanitari, possano fare la differenza.

——–
Link all’articolo originale:
http://www.worldbank.org/en/news/opinion/2015/04/09/equal-opportunities-for-roma-an-economic-imperative-in-an-ageing-europe

Written by pierpaolocaserta

aprile 12, 2015 a 7:24 pm

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Se i rom non si integrano la colpa è loro, prova a chiedere a un rom di alzarsi al mattino per andare a lavoro, vedi cosa ti risponde e quanti calci nel sedere ti prendi… mentire sapendo di mentire non è bello nè giusto. Lascia stare le relazioni delle banche, il loro benessere passa sicuramente per un peggiorameno delle condizioni della popolazione, e anche questo lo sai bene…

    Toni

    aprile 13, 2015 at 9:22 am

  2. Perfetto mini-prontuario di stereotipi razzisti (i rom non hanno voglia di lavorare – e immagino rubino anche i bambini – i rumeni stuprano ecc. ecc.). Esistono gli individui. Attribuire pregiudizialmente caratteristiche negative ad un individuo in quanto appartenente ad un determinato gruppo etnico o sociale ha un nome preciso, si chiama appunto razzismo. Quanto al fatto che direi bugie, come ti permetti? È il razzismo la grande menzogna, raccontata per ignoranza e malafede.

    pierpaolocaserta

    aprile 14, 2015 at 6:42 am


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: